L’EPS riduce la fluttuazione termica

È noto che i vari materiali rilasciano il calore acquisito più o meno rapidamente secondo la loro inerzia termica. La quantità di calore trasmessa è inoltre funzione della superficie di scambio (nel caso di pareti a “cappotto” è quella tra la faccia interna della parete verso il locale abitativo) e della differenza di temperatura tra i due mezzi oggetto della trasmissione di calore.
La capacità di accumulo di calore “S” espressa in W/m2 °K dipende dalla massa volumica, dal calore specifico e dalla conduttività termica del materiale. Il prodotto tra la “S” e la resistenza “R” è l’inerzia termica “D” (adimensionale). Quando le pareti perimetrali sono termicamente isolate dall’esterno, il valore “R” è alto, a parità di materiale costitutivo della struttura murale e quindi di “S” aumenta l’inerzia termica “D”.
Quando la temperatura interna del locale si abbassa (interruzione, temporizzazione del riscaldamento, apertura di finestre, …) è la parete a fornire calore al locale.
Si può inoltre sviluppare l’interessante calcolo che dimostra come il volano termico delle pareti isolate con il “cappotto” agisce attenuando proprio la tipica fluttuazione di temperatura notte-giorno della temperatura esterna. In pratica l’inerzia della parete sviluppa il massimo apporto di calore ai minimi della temperatura esterna. Assimilando le oscillazioni di temperatura a sinusoidi, l’onda di ritorno di calore, per inerzia termica della parete isolata, risulta sfasata (ritardata) rispetto a quella della temperatura esterna: all’interno la temperatura rimane omogenea.

 


Scopri tutti i vantaggi del sistema a cappotto in polistirene espanso sinterizzato.

Visita la sezione dedicata!

Torna alle news